AP5 - Tecnologie e processi per l'ambiente

AP5 - Tecnologie e processi per l'ambiente

AP5 - Tecnologie e processi per l'ambiente

Gli obiettivi dell'Area Progettuale

Le tecnologie ambientali orientate alla sostenibilità costituiscono un’importate sfida scientifica e sociale finalizzata a progettare nuovi equilibri ecologici, modificare i modelli di produzione e abbatterne le emissioni (solide, liquide, gassose) dannose, promuovere l’ecoefficienza, ristabilendo elementi di equità economica e sociale. In tale direzione gli obiettivi dell’area progettuale fondano la propria azione sulla capacità di ridurre o eliminare le pressioni all’interfaccia tra antroposfera ed ecosfera, minimizzare  il potenziale impatto delle emissioni inquinanti, valorizzare i rifiuti attraverso il riutilizzo, il riciclaggio ed il recupero sia energetico sia di materie prime seconde, seconde contribuendo all’implementazione di una economia circolare.
In particolare, gli obiettivi dell’area progettuale sono orientati allo sviluppo, trasferimento ed implementazione di soluzioni innovative nei seguenti ambiti:

  • processi, tecniche e metodologie per la caratterizzazione, depurazione ed il riutilizzo dei reflui civili, industriali, navali e per il recupero e la valorizzazione di reflui, fanghi e prodotti di scarto in genere;
  • tecnologie e biotecnologie per la caratterizzazione, messa in sicurezza e bonifica di siti contaminati;
  • tecnologie per il mare;
  • tecnologie per il monitoraggio ambientale e sistemi di allerta;
  • tecnologie per il recupero di energia a partire dalla frazione organica dei rifiuti e da altri residui organici;
  • tecnologie di contrasto agli illeciti ambientali;
  • tecnologie duali per la difesa e l’ambiente;
  • smart technologies applicate alla gestione delle risorse;
  • tecnologie per l’educazione ambientale;
  • tecnologie per la valorizzazione sostenibile delle risorse naturali.


Le tecnologie innanzi richiamate puntando alla creazione di condizioni di maggiore massa critica attraverso meccanismi di ibridazione ed osmosi tra le differenti anime del CNR ma anche con le università, altri enti di ricerca pubblici ed imprese.

Rilievo

Il rilievo dell'Area Progettuale

L’accresciuta consapevolezza che lo sviluppo economico stabile e durevole passa attraverso l’incremento della competitività ispirata a criteri di minore impatto ambientale ed utilizzo sostenibile delle risorse, determina la centralità dei temi legati alle Tecnologie e processi per l’ambiente. In aggiunta ulteriore impulso alla ricerca tecnologica deriva da una regolamentazione ambientale sempre più pervasiva e stringente che apre inediti scenari nei quali la sopravvivenza stessa del sistema industriale in aree antropizzate sembra essere in discussione se non prevedendo idonee tecnologie di ambientalizzazione.
Il Sistema Paese, allo scopo di favorire la crescita economica ed evitare la prospettiva di un’ulteriore de–industrializzazione richiede tempestive misure di policy fondate su solide basi scientifiche fornite dal sistema della ricerca ed implementate dal mondo industriale, generando ulteriori occasioni di crescita. Con tali premesse l’innovazione nel campo delle tecnologie ambientali genera nuove opportunità d’impresa che agiscono sulle leve della competitività attraverso la riduzione dei costi di produzione legata all’utilizzo razionale delle risorse (materie prime, acqua di processo, energia, etc.) ed il contenimento dell’impatto antropico. In tale contesto l’area Progettuale delle Tecnologie e processi per l’ambiente si pone quale elemento di connessione sia per la trasversalità dei temi ambientali che degli approcci tecnologici che privilegiano criteri multi- ed interdisciplinari, in grado di integrare i grandi temi della scienza, della tecnologia e dell’innovazione con le sfide concrete e pragmatiche che il sistema produttivo nazionale ed europeo è chiamato ad interpretare per il rilancio dell’economia.

Read 1916 times