CNR – FAO: Anno Internazionale delle Foreste: esigenze della Ricerca e prospettive future 17 Ottobre 2011 – CNR – Roma

CNR – FAO: Anno Internazionale delle Foreste: esigenze della Ricerca e prospettive future
17 Ottobre 2011 – CNR – Roma

Programma

Workshop Progetto Interdipartimentale Ambiente e Salute (PIAS): stato di avanzamento e prospettive Roma 18 giugno 2009

CNR, Auala Marconi. Roma ProgrammaVideo

I SESSIONE

 

II SESSIONE

 

Le prospettive della ricerca in Artico – 26 marzo 2010 – CNR Roma

CNR, Aula Marconi – Roma.
Negli ultimi anni, in conseguenza di cambiamenti climatici e ambientali sempre più rapidi, la necessità di studiare il sistema Artico con un approccio integrato multidisciplinare è diventata sempre più evidente, così come è diventata evidente la necessità di sviluppare un sistema osservativo basato su reti di stazioni, supersiti e piattaforme mobili (navi, aerei, satelliti), che copra l’intero circolo Artico. In questo contesto, il CNR ha promosso progetti di ampio respiro, come il Climate Change Integrated Project (CCT-IP) per contribuire alla realizzazione di super siti di misura, e un’attiva partecipazione alla maggior parte delle azioni ESFRI (European Strategy Forum on Research Infrastructures) che interessano l’Artico.
Infatti, in base a questa nuova visione, la Commissione Europea si è sempre più impegnata nella integrazione delle reti osservative e nel supporto di azioni volte a realizzare grandi infrastrutture: SIOS (Svalbard Integrated Observing System), EMSO (European Multidisciplinary Seafloor Observatory), ERICON-AB (European Polar Research Icebreaker Consortium – Aurora Borealis), COPAL (COmmunity heavy-PAyload Long endurance Instrumented Aircraft).

In Artico, il Consiglio Nazionale delle Ricerche, attraverso il Dipartimento Terra e Ambiente, è impegnato a consolidare la partecipazione italiana, non solo quella del CNR, attraverso un ampliamento delle strutture della stazione Dirigibile Italia, il sostegno a progetti di ricerca, e la presenza attiva all’interno di organismi internazionali.
Oltre alle rilevanti questioni climatiche e di inquinamento ambientale, la conoscenza dell’impatto che i cambiamenti climatici potranno avere sul sistema artico è importante in vista dei possibili futuri sviluppi economici e commerciali, quali ad esempio il grande impatto sui trasporti marittimi in conseguenza del trend di riduzione dell’estensione dei ghiacci nei mari artici osservato negli ultimi trenta anni.

PROGRAMMARACCOLTA ABSTRACT  – Video

SCHEDE TEMATICHE

 

Per approfondire: DTA/02-2011 – Campagna Artica 2010 – Report di fine campagna

Conferenza di Dipartimento – CNR 12-13 Luglio 2010 – CNR, Aula Convegni – Roma

Conferenza del Dipartimento Terra e Ambiente – CNR 12-13 Luglio 2010 – CNR, Aula Convegni – Roma
Programma

Strategie e opportunià

I Programmi del Dipartimento Terra e Ambiente

Infrastrutture di ricerca europee

Interventi dei ricercatori

 

La ricerca, il tempo e la biodiversità – 3 Febbraio 2011 CNR, Roma

Le sfide ancora aperte dopo il 2010 e il ruolo della ricerca ecologica a lungo termine. 

L’anno internazionale della biodiversità ha rappresentato un importante segnale di consapevolezza riguardo a questi temi. La biodiversità è in assoluto un bene prezioso. In Italia, dove lo sviluppo economico in molte aree è legato al turismo e al diretto utilizzo di risorse naturali, lo è forse ancora di più. 

Con questo convegno, organizzato dal CNR-Dipartimento Terra e Ambiente e dalla Rete di Ricerca Ecologica a Lungo Termine Italiana
(www.lteritalia.it), si intende ribadire e sottolineare con forza che lo studio della biodiversità, nei suoi aspetti strutturali e funzionali, esige un’attenzione costante e sempre vigile, sostenuta efficacemente da strategie di ricerca e di gestione che vanno mantenute a lungo termine da una politica lungimirante. 

Presentazione   –  Programma   –  Video della giornata

 

La ricerca italiana a supporto delle politiche per la montagna – 8 Febbraio 2011 CNR – Roma

Un appello per un Programma Nazionale di Ricerca per la Montagna
La giornata aspira a sensibilizzare le Istituzioni affinché il settore pubblico torni a investire nei territori montani, favorendo la ripresa e lo sviluppo del sistema produttivo che vive della Montagna, nella tutela dell’ambiente e di una consapevole sostenibilità.

Per realizzare questo obiettivo si ritiene necessario l’avvio di un Programma Nazionale di Ricerca per la Montagna. Attraverso le testimonianze dei policy maker e degli stakeholder del comparto delle risorse forestali, del turismo, del’agro-alimentare e dei rischi naturali, si cercherà di individuare punti di forza e di debolezza delle terre alte e ciò che la Ricerca può metter in atto per favorirne il rilancio nell’interesse del sistema-Paese.

Programma della giornataVideo

La nuova struttura e le prospettive del Programma Nazionale di Ricerche in Antartide 21 Marzo 2011 – CNR Roma

Giornata informativa dedicata alla nuova struttura del Programma Nazionale di Ricerche in Antartide (PNRA), conseguente al DM del 30 settembre 2010 sulla Rideterminazione dei soggetti incaricati dell’attuazione, delle strutture operative, dei compiti e degli organismi consultivi e di coordinamento, delle procedure del programma di ricerche in Antartide nonché delle modalità di attuazione e della disciplina dell’erogazione delle risorse finanziarie. Programma della giornata

BLUEMED: incontro con gli stakeholder nazionali – 5 Giugno 2017 – CNR, Roma

Il 5 giugno 2017, a Roma, presso la sede Centrale del CNR in Piazzale Aldo Moro 7 (Aula Marconi), si è tenuto il primo evento nazionale del progetto BLUEMED (www.bluemed-project.eu).

Finanziato nell’ambito della programmazione europea Horizon 2020-SC2, il progetto svolge un’azione di supporto all¹iniziativa politica BLUEMED – Reasearch and Innovation Initiative for Blue Growth and Jobs in the Mediterranean area, individuata a livello nazionale tra le priorità del Programma Nazionale per la Ricerca. Esso rappresenta dunque un¹opportunità molto importante per la definizione di nuove traiettorie internazionali legate al comparto della ricerca scientifica, sviluppo tecnologico ed economico nonché per l¹attuazione di nuove visioni di politica gestionale del Mar Mediterraneo. Tra i suoi obiettivi, lo sviluppo di un piano operativo per l’implementazione dell¹agenda strategica per la ricerca e l¹innovazione, la BLUEMED SRIA.

La giornata del 5 giugno è stata un’occasione per presentare l’iniziativa BLUEMED, introdurre struttura e obiettivi del progetto e avviare il sistema delle piattaforme nazionali, intese come luoghi di lavoro, discussione e incontro dei rappresentanti dei diversi settori interessati ai temi della blue growth: comunità scientifica, imprese, decisori politici e società civile. Il coinvolgimento attivo degli stakeholder nazionali, attraverso un’interazione strutturata e costante con le attività portate avanti a livello internazionale, è elemento chiave per raggiungere gli obiettivi di BLUEMED.

PROGRAMMA  

Presentazioni

Iniziative e progetti affini a BLUEMED:

Sessione 2 – La Coordination & Support Action BLUEMED (Chair: Margherita Cappelletto)

Conferenza di Dipartimento – 21 Dicembre 2015

Conferenza del Dipartimento Terra e Ambiente
LA RISPOSTA DELLA RICERCA CNR ALLE SFIDE AMBIENTALI

21 Dicembre 2015

CNR – Aula CONFERENZE
Roma

Programma

Sessioni Scientifiche – Chair: Enrico Brgunoli

  1. Atmosfera e clima: risposta a sfide globali
    Cristina Sabbioni (ISAC)
     
  2. Sistemi e tecnologie di osservazione dell’inquinamento atmosferico sviluppati nel contesto di programmi nazionali ed internazionali
    Nicola Pirrone (IIA)
     
  3. Sistemi e metodologie di telerilevamento per il monitoraggio del territorio e dell’ambiente
    Riccardo Lanari (IREA)
     
  4. Osservazione della terra da piattaforme remote ed in-situ fisse e mobili
    Massimo Caccia (ISSIA)
     
  5. Geoscienze e cambiamenti globali: rischi, sostenibilità, risorse
    Antonello Provenzale (IGG)
     
  6. Il contributo della geologia allo studio dei cambiamenti climatici e dei rischi naturali
    Paolo Messina (IGAG)
     
  7. Sondaggio dallo spazio del sistema terra, dall’ottico alle microonde, per applicazioni ambientali
    Roberto Pini (IFAC)
     
  8. From pole to pole: new challenges in ice core sciences
    Carlo Barbante (IDPA)
     
  9. Il progetto INSIEME (Induced Seismicity in Italy: Estimation, Monitoring and sEismic risk mitigation
    Tony Alfredo Stabile (IMAA)
     
  10. Rischio geo-idrogeologico: riconoscimento, modellistica e previsione nei contest dei cambiamenti climatici e ambientali
    Fausto Guzzetti (IRPI)
     
  11. La ricerca scientifica marina per la pianificazione dello spazio marittimo: il ruolo del CNR e le sfide da cogliere
    Fabio Trincardi (ISMAR)
     
  12. La salute dell’oceano: la parola alla scienza
    Paolo Domenici (IAMC)
     
  13. Quando il vento soffia più forte: l’impatto dei cambiamenti climatici sul trasporto marittimo
    Emilio Fortunato Campana (INSEAN)
     
  14. L’IRSA e le nuove sfide ambientali: un caso di studio
    Giuseppe Mininni (IRSA)
     
  15. Piante e la loro gestione in ambito agricolo e forestale:diversità di risorse e soluzioni per un ambiente più sostenibile
    Angelo Massacci (IBAF)
     
  16. CNR-ISE research activities at a national and international level
    Marina Manca (ISE)
     
  17. Il consumo di suolo e la resilienza dei sistemi: una sfida per i Dipartimenti
    Teodoro Georgiadis (IBIMET)
     
  18. Il contributo delle scienze economiche e sociali alle sfide ambientali
    Secondo Rolfo (IRCrES)