L’area strategica indaga il funzionamento degli ecosistemi acquatici e terrestri, e la loro biodiversità anche attraverso l’acquisizione di serie di dati ecologici a lungo termine (multidecennali); per preservare biodiversità e qualità dello stato ambientale è necessario l’uso sostenibile delle risorse biologiche e servizi ecosistemici in un quadro di bio-economia circolare; la definizione di risorse abiotiche (non rinnovabili) ne richiede un utilizzo parsimonioso mentre vanno sviluppate tutte le opportunità di sfruttamento di risorse energetiche rinnovabili rispetto alle fossili. Valutare la risposta degli ecosistemi alle forzanti naturali ed antropiche, le interazioni tra organismi e ambienti (marini, di acqua dolce, agro-forestali ed urbani), i processi e le dinamiche dell’ecosistema, le reti trofiche, i flussi di energia e i servizi ecosistemici è fondamentale per poter gestire le risorse biologiche, minerarie, idriche, geotermiche e altre fonti di energia rinnovabile, valorizzandole in una logica di economia circolare, anche attraverso metodi science-to-policy e di decisione partecipata.

2021-02-14T07:46:47+00:00
Torna in cima