Valutazione della pericolosità legata a fenomeni naturali quali eruzioni vulcaniche, terremoti, alluvioni, movimenti gravitativi e degli eventi atmosferici estremi, con la finalità del monitoraggio, della prevenzione e della mitigazione dei rischi corrispondenti e previsione del loro accadimento, ricorrenza e del potenziale impatto sull’ambiente, incluso quello marino, e il territorio. Studio dei processi di innesco e sviluppo dei fenomeni naturali potenzialmente pericolosi, come base per lo sviluppo delle strategie di mitigazione per la prevenzione e la gestione del rischio e delle emergenze, in armonia con le direttive europee di adattamento ai cambiamenti globali. Comunicazione e percezione del rischio stesso e della sua incertezza. Sviluppo di metodologie, tecnologie e processi basati sui principi dell’eco-innovazione per il monitoraggio e la protezione dell’ambiente dagli impatti generati dalle attività antropiche in atmosfera, in mare ed in ambienti terrestri. Metodologie e tecnologie per la gestione delle risorse idriche, la definizione dei livelli di fondo naturali, la misura e la mitigazione dell’inquinamento chimico e da materiali emergenti sulla salute umana, sulla biosfera e sul patrimonio culturale.

2021-02-14T07:44:32+00:00
Torna in cima