DTA/30-2020 – UN-Decade of ocean science for sustainable development Mediterranean workshop. ‘The Mediterranean Sea We Need for the Future We Want’ 21-23 January 2020 | Venice (Italy)

A cura di: Anna Capasso(1), Margherita Cappelletto(2), Lorenza Evangelista(3), Angela Pomaro(4), Rosalia Santoleri(4)

  1. Ufficio Stampa del Consiglio Nazionale delle Ricerche
  2. Dipartimento Scienze del Sistema Terra e Tecnologie per l’Ambiente
  3. Ufficio Programmazione e Grant Office
  4. Istituto di Scienze Marine

Scarica documento

DTA/03-2011 – LAERTE – Laboratorio AEReo per l’Osservazione della TErra

Opportunità e strategie del CNR per l’istituzione di un laboratorio aereo a supporto della gestione del territorio e dell’analisi ambientale


downloadScarica la pubblicazione 

Premessa<

Le piattaforme aeree sono diventate negli ultimi anni uno strumento insostituibile per lo studio dei processi ambientali e per la gestione del territorio. Le osservazioni da piattaforma aerea si collocano fra le misure a terra e quelle da satellite: rispetto alle prime hanno migliore mobilità e copertura geografica e rispetto alle seconde una migliore risoluzione spaziale e una maggiore flessibilità in termini di scelta del tempo e del luogo dell’osservazione. Nel caso delle misure dell’;atmosfera sono infine l’unico metodo per ottenere misure in situ in funzione della quota.

Nel testo sono raccolte le competenze e le esperienze della rete scientifica CNR, gli strumenti che possono operare su piattaforma aerea e sono descritte ipotesi operative per dotare il CNR di un Laboratorio aereo per le ricerche ambientali ad alto contenuto tecnologico, che contribuisca anche al potenziamento delle sinergie tra mondo della ricerca e mondo delle imprese.
Il presente studio è stato prodotto dal Gruppo di Lavoro (GdL) interdisciplinare e interdipartimentale istituito dal Dipartimento Terra e Ambiente (DTA), al fine di coordinare e integrare le diverse apparecchiature per l’osservazione della terra disponibile presso gli Istituti CNR e per esplorare la possibilità di dotare la ricerca nazionale di una piattaforma aerea. Questo libro bianco è il frutto di un lavoro complesso che sintetizza e integra un gruppo interdisciplinare con interessi e approcci di ricerca differenziati che vanno dalle osservazioni della terra tout court comprendenti ad esempio la topografia e le osservazioni del mare, fino allo studio della qualità dell’aria, dei cicli biogeochimici e dei cambiamenti climatici.